iso 31030

Travel Risk Management: il nuovo ISO 31030 è stato finalmente pubblicato!

Siamo lieti di comunicare che il nuovo Standard ISO 31030 Travel Risk Management – Guidance for Organizations, è stato pubblicato!
Un importante traguardo per le aziende di tutto il mondo: finalmente possiedono un punto di riferimento internazionale per la gestione dei rischi delle trasferte.

PTG ti supporta per farti raggiungere la compliance aziendale al Duty of Care

Siamo l'unica Travel Risk Management company italiana ad aver contribuito allo sviluppo dello standard e in grado di supportare le aziende a raggiungere la compliance al Duty of Care. Il nostro CEO, Roger Warwick, è Membro Fondatore del Comitato Internazionale di sviluppo dello standard, in qualità di rappresentante per l’Italia di UNI – Ente Italiano di Normazione.

Sviluppiamo i migliori processi di Travel Risk Management, assistiamo le aziende nella fase di preparazione alla trasferta e forniamo protezione e supporto a destinazione ai viaggiatori in tutto il mondo, grazie alla presenza di personale locale qualificato e certificato. Operiamo secondo i più alti standard di qualità, sicurezza e sostenibilità: siamo certificati PSC.1-2012, Membri Fondatori ICoCA e Membri Firmatari UN Global Compact.

Il tutto nel pieno rispetto del quadro legislativo italiano in materia di Duty of Care, e in conformità alle nuove linee guida ISO 31030.

Qualunque sia la dimensione o il settore della tua azienda, valutiamo la conformità delle procedure operative esistenti e forniamo una revisione completa dei processi che compongono ogni funzione aziendale, per supportarti nel raggiungimento della compliance normativa.

La tua azienda è pronta per il nuovo standard?

RICHIEDI UNA CONSULENZA

SCARICA LA CHECKLIST


ptg my breev

PTG e mybreev.international stringono una partnership strategica

PTG (Pyramid Temi Group) e mybreev (mybreev.international) in partnership per fornire alle aziende italiane una vasta gamma di corsi e-learning sulla sicurezza dei viaggi aziendali

La Travel Risk Management company PTG e mybreev, leader tedesco nella formazione online, hanno stretto una partnership per fornire corsi in materia di Travel Security al mercato italiano.

Unendo le loro competenze ed esperienze, i due leader del settore sono in grado di fornire una gamma unica di soluzioni formative e-learning alle aziende italiane che operano a livello internazionale.

Fondata nel 1978 e premiata dal Financial Times come una delle società a più rapida crescita in Europa, PTG è un’azienda leader in Italia nella fornitura di servizi di Travel Security a livello globale.

Fondata nel 2009, mybreev è uno dei principali fornitori europei di e-learning negli ambiti di Security, Safety, Cyber Security, Business Continuity Management e Compliance. Con oltre 70 moduli e-learning, mybreev offre una formazione “One Stop Shopping" a grandi aziende, PMI e ONG.

Il CEO di PTG, Roger Warwick, dichiara: "Con il mercato dei viaggi d'affari che si prepara per ripartire, siamo particolarmente lieti di offrire soluzioni di formazione online altamente qualificate alle numerose aziende italiane che operano a livello internazionale".

"Le organizzazioni dovranno affrontare una situazione mutata in molti paesi, con un aumento dei livelli di rischio – continua Warwick - oltre alle considerazioni sulla salute, l'impatto della pandemia Covid-19 ha dato luogo a un incremento di criminalità e instabilità e quindi la formazione sulla sicurezza in viaggio è di importanza sempre maggiore".

Sven Leidel, Managing Partner di mybreev.international,dichiara: "In qualità di azienda leader nella formazione online su Security & Safety, siamo entusiasti di costruire una solida collaborazione con PTG e crediamo che unendo le nostre capacità saremo in grado di espandere la nostra presenza in tutta Italia e nel Mediterraneo".

Commenta Warwick: “C'è un'attenzione sempre maggiore al Duty of Care e una parte fondamentale di questo è data dall’essere in grado di preparare i viaggiatori alle sfide che i viaggi internazionali possono rappresentare. Abbracciando la formazione online saremo in grado di aiutare un numero maggiore di organizzazioni a raggiungere la conformità ai principi etici, morali e legali che devono essere condivisi e rispettati".

Aggiunge Sven Leidel di mybreev: "Con PTG non vediamo l'ora non solo di entrare in un nuovo mercato geografico, ma anche di sviluppare una serie di nuove proposte e soluzioni. La nostra partnership fornirà soluzioni immediate alle aziende italiane che operano a livello internazionale e nel tempo svilupperemo insieme nuovi corsi”.

“Le organizzazioni si trovano ad affrontare un mondo che sta cambiando drasticamente – continua Leidel - siamo molto estusiasti di sfruttare i vantaggi che derivano dalla convergenza delle nostre rispettive competenze ed esperienze".

 

Per maggiori info sulle nostre soluzioni di formazione e-learning su Travel Security:

Pyramid Temi Group S.R.L.                                                                      mybreev.international GmbH

services@ptgtravelsecurityhub.com                                                         info@mybreev.international

 

Per saperne di più su PTG:

www.pyramidtemigroup.com

 

Per saperne di più su mybreev:

www.mybreev.international

www.security-island.com/en

 

logos

 


travel assistance

Travel Assistance: un investimento necessario

Cosa offrono i servizi di Travel Assistance? Nell'ultimo magazine di Travel for business la nostra Global Project Manager Daniela Valenti fa chiarezza tra assicurazione e assistenza di viaggio, due servizi apparentemente simili ma con differenze sostanziali, e ci illustra come i piani di assistenza in viaggio firmati PTG e FocusPoint International, Inc. possono fare la differenza offrendo ad aziende e viaggiatori un servizio d'eccellenza per il Business Travel.

Leggi l'articolo a pag. 22: https://www.flipsnack.com/F95DDF6D75E/travel-for-business-magazine-n-14-maggio-2021.html


evacuazione

Come affrontare un'emergenza all'estero

Cos’hanno in comune il Myanmar, il Pakistan e il Ciad? Ci insegnano che è fondamentale essere preparati per affrontare le emergenze, anche nei casi più estremi dove è necessaria un’evacuazione. Grazie alla soluzione integrata di PTG da oggi è possibile viaggiare in sicurezza in tutto il mondo.

Quanto sono preparate le aziende per affrontare un’emergenza?

Continua a leggere in questo articolo di Mark Lowe su Travel for business: https://www.travelforbusiness.it/casi-studio-travel-risk-management/

 

 

 

 


partnership

Travel Security, PTG stringe una partnership strategica con la Global Assistance company FocusPoint

Con l’unione delle rispettive competenze ed esperienza, i due leader del settore sono in grado di fornire alle aziende italiane servizi di risposta a crisi e incidenti di natura medica e di sicurezza a livello globale

Bologna, 12/04/2021

La Travel Risk Management company PTG e la Global Assistance company FocusPoint hanno stretto una partnership che vede le due società unire i loro punti di forza per fornire un'ampia gamma di servizi di Travel Security al mercato italiano.

Fondata nel 1978 e premiata dal Financial Times come una delle società a più rapida crescita in Europa, PTG è un’azienda leader in Italia nella fornitura di servizi di Travel Security a livello globale.

Con oltre 30 anni di esperienza, FocusPoint International è una società di assistenza a livello globale che fornisce una suite integrata di servizi di health, safety, security e risposta agli incidenti con il supporto di informazioni e tecnologia.

Roger Warwick, CEO di PTG, dichiara: "Per fornire un servizio completo ai nostri clienti, che devono affrontare un'incertezza sempre maggiore in un mondo che sta cambiando drasticamente, siamo molto entusiasti di sfruttare i vantaggi che derivano dalla convergenza delle nostre rispettive competenze ed esperienze".

Continua Warwick: “L'Italia è un esportatore di beni e servizi praticamente in ogni Paese del mondo e per garantire il pieno supporto alle attività internazionali dei nostri clienti dobbiamo puntare ad essere sempre un passo avanti. Collaborando con FocusPoint possiamo completare la nostra offerta di servizi e rappresentare una soluzione unica alle esigenze del cliente. "

Greg Pearson, CEO di FocusPoint, commenta: "In qualità di azienda leader nella fornitura di servizi medici e di risposta alle emergenze, siamo entusiasti di stringere una forte partnership con Pyramid Temi Group e crediamo che l’unione delle nostre competenze ci consentirà di espanderci in tutta l'area del Mediterraneo. "

Continua Pearson: "La conoscenza di questo mercato da parte di PTG sarà al centro della nostra strategia di sviluppo del business in Europa meridionale e siamo pronti per offrire una vasta gamma di servizi di prima qualità ai clienti di quest’area geografica".

Aggiunge Warwick: “Dal primo momento in cui abbiamo iniziato a condividere idee sui nostri rispettivi business, ci siamo resi conto di condividere con FocusPoint la stessa visione e lo stesso entusiasmo nel fornire servizi di sicurezza alle aziende che operano a livello internazionale. Abbiamo compreso immediatamente di essere sulla stessa lunghezza d’onda. I nostri team sono già all’opera per rafforzare ulteriormente la nostra sinergia attraverso una serie di iniziative incentrate sul cliente che ci consentiranno di fornire soluzioni innovative a un mercato in continua espansione ".

Conclude Pearson: "Le nostre aziende condividono una serie di valori che determinano il nostro approccio alla fornitura di prodotti e soluzioni, il nostro obiettivo è sempre stato quello di comprendere le esigenze dei clienti e di adattare le soluzioni a queste precise esigenze. Grazie alla partnership con PTG siamo entusiasti di entrare in un nuovo mercato geografico, ma anche di sviluppare una serie di nuove proposte e soluzioni ".

 


travel security

Il contributo di ASIS International allo sviluppo della ISO 31030 anche grazie a PTG

award of merit asisIn questa foto il nostro CEO Roger Warwick mentre ritira il "Presidential Award of Merit" nel 2007, per aver introdotto ASIS International nel settore della normazione.

Impegno che prosegue ancora oggi: Daniela Valenti, Global Project Manager PTG, è una dei 5 esperti internazionali di ASIS International che hanno avuto il compito di analizzare e selezionare i numerosi commenti ricevuti, e che hanno contribuito alla definizione del nuovo standard.

Continua a leggere in questo articolo di ASIS Italy Chapter: http://www.asisitaly.org/newsletter/travel-risk-management-confermata-per-il-2021-la-pubblicazione-del-nuovo-iso-31030-anche-asis-international-tra-i-partecipanti-al-comitato-tecnico-di-sviluppo


Il colpo di stato in Myanmar ci insegna l'importanza di prevedere adeguati piani di evacuazione

Photo Credits: Reuters

12/03/2021

Mark Lowe

Mentre il Ministero degli Affari Esteri italiano suggerisce ai cittadini italiani di prendere in considerazione la possibilità di lasciare il Myanmar, altri governi hanno intensificato i livelli di valutazione del rischio e consigliano ai propri cittadini di lasciare immediatamente il Paese.

I cittadini britannici sono stati avvertiti di lasciare il Myanmar a meno che non abbiano un motivo realmente urgente che giustifichi la permanenza nel Paese.

L'avvertimento del Ministero degli Esteri britannico fa sorgere una serie di preoccupazioni che le aziende devono prendere in considerazione prima di inviare i dipendenti in Paesi in cui vi è un potenziale rischio di doverli evacuare.

Nel caso del Myanmar, il consiglio deriva dalle conseguenze del recente colpo di stato militare, ma le evacuazioni del personale possono anche essere determinate da emergenze sanitarie, disastri naturali, disordini civili o conflitti aperti.

Questo avvertimento sottolinea l'importanza di una continua consapevolezza della situazione, di avere un solido piano di evacuazione in atto e il rispetto delle linee guida e dei consigli del governo.

La consapevolezza della situazione è fondamentale per garantire la sicurezza e l'incolumità sia dei membri del personale che viaggia all'estero sia degli expat. È essenziale che le potenziali criticità siano identificate in anticipo e che il processo di monitoraggio continui durante la loro permanenza all’estero.

Le criticità devono essere individuate al fine di definire le procedure di mitigazione e, in caso di incidenti, l'azienda deve essere in grado di gestire correttamente la situazione.

Nei casi in cui vi sia un'intensificata minaccia di esposizione del personale a rischi per la sua sicurezza o la salute, è necessario, prima della partenza, definire un adeguato piano di evacuazione. Il piano dovrebbe essere multilivello e quindi prendere in considerazione, nel caso di personale assegnato a permanenza di lungo periodo in un Paese a rischio, un processo di graduale escalation. Ad esempio, i membri della famiglia dovrebbero essere evacuati per primi, mentre coloro che rimangono nel Paese dovrebbero prendere in considerazione la condivisione di un alloggio e restare uniti; i protocolli di comunicazione dovrebbero essere rafforzati e gli aspetti pratici dell'evacuazione implementati.

Ad esempio, come nel caso del Myanmar, i voli internazionali possono essere sospesi e quindi i viaggi via terra, nonostante il gran numero di considerazioni necessarie, possono essere un'opzione se le frontiere terrestri sono aperte.

Tuttavia, se gli aeroporti internazionali sono aperti, potrebbe esserci la possibilità di voli "di soccorso" per coloro che cercano di lasciare il Paese. In molti casi questi voli sono prenotabili a livello commerciale.

La formazione del personale è essenziale e deve essere effettuata con largo anticipo rispetto al viaggio. La formazione in questione non sarà riservata esclusivamente ai viaggiatori ma comprenderà anche quei dipendenti che ricoprono ruoli gestionali.

Devono essere coinvolti vari dipartimenti, compreso l'ufficio legale che svolge anche un ruolo chiave nel rispetto delle linee guida del governo. Questo è un compito essenziale in quanto è necessario esaminare e comprendere sia gli aspetti legali che quelli assicurative.

In termini di preparazione anticipata e formazione del personale, è necessario tenere conto di una serie di considerazioni, inclusi alcuni consigli pratici su come affrontare un'evacuazione. Queste includeranno, ma non saranno limitate a, problemi come la chiusura o la mancata disponibilità di banche e sportelli automatici (ATM) e quindi la disponibilità di fondi e dollari USA sufficienti da utilizzare negli aeroporti  per le necessità quotidiane; la mancanza di connessioni Internet e le interruzioni della rete telefonica locale; coprifuoco e norme comportamentali durante l'emergenza.

La tensione politica e le agitazioni in Myanmar si sono diffuse dopo la presa del potere militare, i livelli di violenza stanno aumentando in tutto il Paese. In uno scenario simile chi non può lasciare il Paese dovrebbe restare a casa e stare al sicuro. Dovrebbe essere fornita in anticipo una guida sulla gestione delle situazioni in cui l'individuo ha bisogno di uscire di casa per ragioni essenziali.

La situazione in Myanmar illustra ciò che potrebbe accadere in tempi molto brevi e fa emergere l'importanza, per le aziende, di prevedere adeguati piani di evacuazione, formazione del personale, consapevolezza della situazione, preparazione, gestione delle crisi e di un solido programma di Travel Risk Management.

Pyramid Temi Group può aiutarti ad affrontare queste importanti tematiche. Contattaci per raccontarci le tue esigenze e saremo lieti di fornirti adeguato supporto per far sì che il tuo personale viaggi in sicurezza!


PTG aderisce al Global Compact delle Nazioni Unite

PTG consolida il suo impegno per la promozione di un’economia più sostenibile e responsabile, attraverso dieci principi universali su diritti umani, lavoro, ambiente e lotta alla corruzione

9 Marzo 2021

PTG è fiera di annunciare di aver aderito al Global Compact delle Nazioni Unite, la più grande iniziativa di sostenibilità aziendale a livello mondiale, basata su dieci principi universali nei settori dei diritti umani, del lavoro, dell'ambiente e della lotta alla corruzione.

PTG si unisce a più di 16.000 organizzazioni in 160 paesi che si sono impegnate attivamente a sostenere e promuovere la sostenibilità aziendale.

 

In qualità di Travel Risk Management company, la nostra missione è fornire assistenza e protezione alle organizzazioni che viaggiano in tutto il mondo. Safety, security, responsabilità e sostenibilità sono principi fondamentali della nostra strategia aziendale.

"La nostra adesione al Global Compact rafforza il nostro impegno per la promozione della sostenibilità, responsabilità e del rispetto dei diritti umani", afferma Roger Warwick, CEO e fondatore di PTG.

“Oltre a essere tra i membri fondatori di ICOCA - International Code of Conduct Association, PTG è la prima azienda italiana ad essere certificata ANSI/ ASIS PSC.1 2012, la normazione internazionale vigente per la gestione della qualità dei servizi di sicurezza privata. Sostenere il Global Compact e integrare i dieci principi rappresenta un ulteriore passo per lo sviluppo sostenibile del settore del Travel Security a livello globale” aggiunge Warwick.

 

 

 


Uscirà entro il 2021 la norma ISO 31030 dedicata al Travel Risk Management

Il nostro CEO Roger Warwick rappresentante commenta:

"Un'importante conquista per la regolamentazione di un settore rivolto alla tutela delle risorse umane che necessita di norme chiare, condivise e riconosciute a livello internazionale. E’ proprio questo l’obiettivo dello standard: definire delle linee guida che consentano alle organizzazioni di strutturarsi per una gestione sicura e responsabile della trasferta, in compliance alle norme di Duty of Care (in Italia il l D.Lgs. 81/2008 e il D.Lgs. 231/2001), che sanciscono la responsabilità del Datore di Lavoro per la tutela del proprio personale nei luoghi lavoro. Trasferte incluse."

Continua a leggere su Securindex.com

Photo credits: Securindex.com


Cosa sta determinando lo sviluppo della vostra Travel Risk Management Policy?

18/02/2021

Mark Lowe

Photo Credits: James Eagle
Lezioni apprese dal mondo dell'Information Technology

Nelle ultime due settimane, decine di utenti LinkedIn hanno condiviso un piuttosto interessante e provocatorio. Risultato di un sondaggio condotto da James Eagle, scrittore di investimenti e blogger con sede a Zurigo, il grafico illustra la risposta a una semplice domanda: cosa ha guidato la trasformazione digitale nella tua azienda, il CEO, il CTO o il Covid-19?

Una semplice domanda alla quale un sorprendente 88% degli intervistati ha risposto Covid-19.

Sebbene vi siano pochi collegamenti diretti tra la Travel Security e la Digital Transformation, vi sono, tuttavia, alcuni parallelismi tra la conclusione del sondaggio e un evento che ha scosso il mondo della Security italiano nel Gennaio 2019.

 

 

Cosa sta guidando il cambiamento nella tua organizzazione?

La domanda è semplice ma significativa: cosa sta determinando lo sviluppo di una Travel Risk Management Policy nella tua azienda? Si spera che la forza trainante non sia una reazione a un evento traumatico.

In generale ci sono tre risposte principali alla domanda: compliance al quadro giuridico italiano, aspetti morali ed etici, e la consapevolezza che la sicurezza apporti valore aggiunto a un'azienda.

 

"L'idea di dover creare e mantenere un solido programma di Travel Security può sembrare una prospettiva scoraggiante"

 

Se gli venisse fatta la domanda, la maggior parte delle organizzazioni risponderebbe che tutte e tre le risposte costituiscono la forza trainante dietro lo sviluppo e l'implementazione di un'adeguata Travel Risk Management Policy.

Per le organizzazioni che devono ancora implementare le policy necessarie, l'idea di dover creare e mantenere un solido programma di Travel Security può sembrare una prospettiva scoraggiante.

Tuttavia, se affrontato correttamente, il compito può essere suddiviso in una serie di step che conducano le aziende all'obiettivo di ottenere il pieno rispetto degli aspetti legali, etici e di valore aggiunto sopra citati.

 

Leadership e responsabilità

L'identificazione degli stakeholder e il loro coinvolgimento attraverso una precisa ripartizione dei ruoli e delle responsabilità è al centro dello sviluppo della Travel Risk Management Policy di un'organizzazione.

Leadership e responsabilità sono i punti di partenza. La prima domanda da porsi deve essere: quale figura o quale dipartimento assumerà un ruolo guida? Con ogni probabilità la scelta sarà quella di selezionare una figura dal dipartimento Risk, Security, Legal o HR.

 

"La prima domanda da porsi deve essere quale figura o quale dipartimento assumerà un ruolo guida?"

 

Nella maggior parte dei casi assumere un ruolo guida implica accettare automaticamente la responsabilità generale per lo sviluppo e l'implementazione della Travel Policy aziendale.

È essenziale che i dipartimenti lavorino insieme guidati da un approccio olistico alla gestione del rischio di viaggio; questo implica la definizione di traguardi e obiettivi precisi che dipenderanno da comunicazioni e collaborazioni interdipartimentali efficienti.

Il consiglio più importante è che chiunque nell'organizzazione percepisca la  Travel Risk Management Policy come sostenuta e supportata attivamente dal CdA e da ciascuno dei dipartimenti pertinenti.

 

Conclusioni

Affinché la Travel Risk Management Policy di un'azienda abbia successo, leadership,  e gestione efficiente sono le tre componenti essenziali.

Sebbene sia compito del management definire e attuare gli step necessari, è essenziale che gli obiettivi ei vantaggi di una solida Travel Risk Management Policy siano compresi e condivisi in tutta l'azienda.

Nelle grandi realtà in cui esistono funzioni preposte al Risk, Security, Legal, e HR, una parte importante dell'apporto di Pyramid Temi Group sarà la creazione di una squadra che rispetti l'autonomia dei singoli ruoli, facilitandone l'interazione e il teamwork, mentre la nostra conoscenza approfondita del mercato delle PMI ci consente, per queste ultime, di creare un gruppo di lavoro ad hoc. Siamo certi che la consulenza professionale da parte dei nostri esperti possa fare la differenza e garantire alle aziende adeguato supporto per il raggiungimento dei propri obiettivi.

Se sei interessato a saperne di più su come i nostri 40 anni di esperienza in Security e Travel Risk Management possano apportare benefici alla tua azienda, siamo a disposizione per valutare il profilo di rischio della tua azienda e analizzare le tue esigenze.

CONTATTACI